18.6 C
Atene
Sabato 6 marzo 2021

Il cambiamento nella retorica dei Verdi e i loro obiettivi nelle elezioni europee

✚ ATENE

Un altro "Pocket Park" di 750 mq è pronto. a Pagrati

È il terzo "Pocket Park" che viene completato ad Atene e che ora stabilisce una nuova tattica nell'uso dello spazio pubblico. In un luogo abbandonato ...

Dieci anni senza Miltiadis Evert

I compagni e tutti coloro che lo avevano incontrato più volte in un contesto sociale e giornalistico, parlano di un uomo onesto, dinamico e di cuore aperto. Altri ricordano ...

Innovathens: discussione in linea sulla protezione dei dati personali 

Discussione in linea sulla protezione dei dati personali (GDPR) e innovazione In occasione della Giornata europea per la protezione dei dati personali, il non ...

Il secondo "pocket park" di Atene è pronto

Il secondo "pocket park" viene consegnato dal Comune di Atene agli abitanti della città e nello specifico di Kolonos. Una piccola oasi di verde nel cuore del quartiere, ...

La collina di Strefi torna ad essere un luogo di passeggiate e svago

Un'altra zona emblematica di Atene, esce dal letargo e dall'abbandono. La collina di Strefi che è collegata al lungomare, la ...

L'ascesa dei Verdi in Germania, Belgio e Lussemburgo, il cambiamento nella loro retorica, i gruppi di cittadini che si avvicinano e i loro obiettivi alle elezioni europee, è stato oggetto del nuovo ampio sondaggio di Atene 9.84, che presentato oggi dalle 10 del mattino fino alle 12 a mezzogiorno, nello spettacolo "Athens Today" con Noni Karagianni.

Nell'analisi che stai tentando, i leader del gruppo dei Verdi al Parlamento europeo stanno intervenendo con interviste. Ska Keller e Philip Lambert, The Christian Kmiotek, Presidente dei Verdi lussemburghesi, h Olga Drosou, direttore della Heinrich Bλll Foundation in Grecia, un think tank affiliato ai Verdi tedeschi, e Voula Tsetsi, Segretario generale dei Verdi al Parlamento europeo.

Ska Keller: Non escludiamo la cooperazione con altre parti

H Athena Korlira parlato con lei Ska Keller, Copresidente del gruppo Verdi del Parlamento europeo sull'ascesa del partito in Germania e nell'UE.

"Come partito (i Verdi) abbiamo giocato un ruolo importante per anni. "Siamo cresciuti e siamo diventati una forza politica stabile in Germania", ha detto.

I Verdi in Germania sono un attore politico chiave. (Abbiamo anche l'esempio della Baviera). Pensa che come partito giocherai un ruolo catalizzatore nelle prossime elezioni federali?

Nelle elezioni locali abbiamo la Baviera e l'Assia. Siamo molto contenti di aver fatto bene nei sondaggi e nei risultati della Baviera. Penso che questo sia un messaggio chiaro che è possibile ottenere voti anche alle elezioni federali, con un messaggio di "speranza" e attenendosi alle nostre proposte molto ferme su ciò che cerchiamo di vincere. Altri partiti - purtroppo - cercano di ottenere voti intimidendo o incolpando gli altri… Questo metodo ovviamente non funziona più, dopotutto non ha mai funzionato. È tempo per un diverso tipo di approccio politico.

Quanto si è evoluta la tua festa negli ultimi anni?

Come partito (i Verdi) abbiamo giocato un grande ruolo per anni. Siamo cresciuti e siamo diventati una forza politica stabile in Germania. Lasciate che vi dica che non è solo il caso della Germania: abbiamo avuto elezioni in Lussemburgo che sono andate molto bene, ma anche elezioni municipali in Belgio. Quindi possiamo dire che il messaggio di "speranza", di posizioni stabili e che vogliamo che sia il nostro partito in futuro, sta guadagnando sempre più "terreno" e questo è fantastico quando lo vediamo. Stiamo andando molto bene nei sondaggi per le elezioni federali, ma stiamo parlando di sondaggi e non di risultati. Dico questo perché la nostra esperienza ci ha dimostrato che i sondaggi spesso si discostano dai risultati. Abbiamo avuto casi in cui i sondaggi danno percentuali elevate e i risultati non sono così buoni.
Abbiamo molto lavoro da fare, soprattutto nella Germania dell'Est per raccogliere più fan, ma ora siamo decisamente una forza stabile e prevedibile.

Come commenta l'ascesa dell'estrema destra in Germania e nel resto d'Europa?

Questo è certamente uno sviluppo che non ci soddisfa, ma è ovvio che in molti paesi dell'UE i partiti di estrema destra stanno guadagnando terreno. Tuttavia, dobbiamo chiarire cosa intendiamo per partiti di estrema destra, perché in Ungheria, ad esempio, abbiamo Orban, che incrimina le ONG, che limita la libertà di stampa, ecc., Ma è un membro del Partito conservatore. I conservatori devono essere chiari su quali politici tollerano di essere tra i loro leader e quali no, anche se sembrano voler mantenere Orban solo per mantenere basso il loro numero. Lo considererei sicuramente un nazionalista di destra e ne vediamo sempre di più. Anche quando guardiamo al caso dell'Austria, che è un esempio molto interessante, vediamo un partito conservatore che aiuta l'estrema destra - i partiti estremisti ad entrare nel governo, mentre avrebbero potuto allearsi con i socialdemocratici, ma hanno scelto l'estrema destra. Questo è un messaggio molto preoccupante e penso che dovremmo riconoscere le diverse "minacce" che stanno arrivando sulla nostra strada e spero sinceramente che i partiti conservatori decideranno di prendere una posizione chiara e differenziarsi dai partiti nazionalisti di destra. Finora non vedo che l'hanno fatto e non vedo che ne abbiano l'intenzione ma lo desidero, perché altrimenti quello che faranno è legittimare una posizione antieuropea e antiimmigrante.

Quanto è forte il tuo partito al Parlamento europeo? Stai pensando di collaborare con altri partiti dopo le elezioni?

Non escludiamo la cooperazione con altre parti. In molti paesi abbiamo Verdi che lavorano con altri sulle liste elettorali, ma questo non è il caso a livello europeo, ma lo vediamo a livello nazionale. Dopo le elezioni europee, proveremo a riorganizzarci, perché ci troviamo infatti in una situazione critica nella storia dell'Europa, dove i sostenitori pro-Ue sono attaccati dall'estrema destra, ma anche da alcuni più conservatori (come abbiamo detto prima). Dobbiamo trovare un modo per difendere l'UE, i suoi valori e le sue regole, come la lettera della legge, la democrazia, le libertà civili, ecc. E lavorare su come cambiarla, ad esempio nella sfera non sociale. molto attivo (l'UE). Abbiamo molte regole ma non abbiamo posizioni chiare. Abbiamo ancora valori minimi nelle questioni sociali, come la previdenza sociale. Dobbiamo essere più esigenti quando si tratta di protezione del clima e protezione dell'ambiente. C'è così tanto che vogliamo cambiare e vogliamo essere la forza preeuropea del cambiamento. Siamo quindi pronti a lavorare con altri che rappresentano le nostre stesse posizioni.

Philip Lamberds:

I partiti tradizionali non sono in grado di affrontare le sfide del tempo

I Verdi sono in sintonia con le preoccupazioni della gente

Philip Lamberds, copresidente del gruppo dei Verdi del Parlamento europeo, ha parlato con Athena Korlyra del futuro del Partito dei Verdi.

"Abbiamo notato nel partito che gli anni che finiscono in 4 ci danno risultati negativi e gli anni che finiscono in 9 ci danno buoni ... La grande sfida per il mio partito è riuscire a ridurre il divario tra le nostre percentuali basse e alte e "Non dovrebbe essere superiore al 10%", ha affermato Lamberts.

 

Il Partito dei Verdi sta guadagnando terreno nella vostra patria, il Belgio, ma anche negli Stati membri dell'UE, qual è la ragione di questa crescita?

Direi che se guardiamo ai partiti che hanno avuto successo negli ultimi 10 giorni in Belgio, Lussemburgo e Germania, vediamo che c'è stato un corso politico piuttosto stabile negli ultimi 2 decenni. In Germania e in Belgio potrebbe esserci stato un leggero rafforzamento delle posizioni iniziali del partito, ma non è mai stato molto diverso. Penso che quello che stiamo vedendo sia il fatto che da un lato i partiti politici tradizionali, come Democratici Cristiani, Socialdemocratici e Liberali, stanno perdendo potere, perché sembrano incapaci di dare risposte soddisfacenti alle sfide del tempo. Penso che questo sia ovvio. Fino ad ora, gli etno-populisti sono stati considerati una forza politica alternativa credibile in molti paesi (con poche eccezioni), con i partiti di estrema destra come alternativa. Ma nei 3 paesi che abbiamo menzionato, abbiamo visto un aumento nel tempo di coloro che hanno iniziato a riconoscere i Verdi come un'alternativa credibile. Credo anche che abbiamo un aumento della sensibilità del pubblico alle questioni ecologiche (cambiamento climatico, shock, biodiversità), questioni che sono in cima all'agenda dei cittadini, in particolare delle giovani generazioni. Sempre più persone che si avvicinano all'età del suffragio tendono a rivolgersi ai Verdi come alternativa credibile. Questo è ciò che penso stiamo osservando. Quindi non è tanto il fatto che siamo cambiati, ma il fatto che siamo in sintonia con le preoccupazioni di molti cittadini.

Come vi aspettate che si formino le percentuali del vostro partito alle prossime elezioni in Belgio?

Spero che noi (Verdi) ce la faremo bene. L'esperienza ha però dimostrato che quando si hanno 2 gare elettorali ravvicinate, la dinamica della prima determina la dinamica della seconda. Quindi, se fai male nel primo, le percentuali di solito peggiorano nel secondo. questo è il caso che stiamo facendo e pensiamo di avere ancora molto duro lavoro da fare ora. Tuttavia, ritengo che i Verdi guadagneranno terreno nel tempo, soprattutto rispetto ai risultati di 5 anni fa, che erano piuttosto deludenti. Non abbiamo raggiunto un minimo storico, ma siamo rimasti piuttosto bassi in percentuale. Abbiamo notato nella festa che gli anni che finiscono in 4 ci danno risultati negativi e gli anni che finiscono in 9 ci danno buoni. Ma quello che vogliamo è porre fine ai risultati dello yo-yo. La grande sfida per il mio partito è riuscire a ridurre il divario tra le nostre percentuali basse e alte e non superare il 10%. Nel 1999 e nel 2009 abbiamo fatto bene e la nostra percentuale era vicina al 20%, mentre nel 2004 e 2014 abbiamo fatto male, la nostra percentuale era prossima all'8%. Vogliamo creare una base di elettori più stabile in modo che i nostri risultati "cattivi" siano vicini al 15% e quelli buoni vicini al 25%. Questo è un processo continuo. Ho motivo di credere che ci sia una "svolta" nell'opinione pubblica, nel senso che i Verdi di solito fanno peggio nelle elezioni di quanto mostrano i sondaggi di opinione. Questa volta, in Belgio, i risultati sono stati amplificati rispetto ai sondaggi. In altre parole, vediamo questo sviluppo come un messaggio positivo per noi e non come un voto di reazione. La nostra festa ha quasi 40 anni, non siamo più "i nuovi arrivati ​​nel quartiere". Se vuoi protestare in Belgio, ci sono altre alternative. Pertanto, sempre più persone votano per i Verdi non per reazione, ma perché credono non solo nelle idee che promuoviamo ma anche nelle persone che li servono.

Come vede i risultati alle prossime elezioni europee?

I risultati di domenica scorsa e più prima delle 2 domeniche sono un po 'distorti, nel senso che le elezioni si sono svolte in 3 paesi che hanno forti Verdi (Belgio-Germania-Lussemburgo). Sono tre paesi in cui siamo presenti da molto tempo. Quindi abbiamo iniziato con una base solida. Lo stesso non si può dire dell'Europa meridionale e orientale. Là, ma anche in tutta l'UE, vorremmo ottenere risultati simili a quelli in Belgio, Germania o Lussemburgo, ma al momento non è così.
Prendiamo ad esempio i Paesi Belgio-Paesi Bassi-Lussemburgo-Germania-Francia, forse anche l'Austria, ma anche i Paesi scandinavi… potremmo dire che lì abbiamo percentuali aumentate e ci aspettiamo che questo si vedrà alle prossime elezioni europee.
La vera sfida è se riusciremo a vincere diversi paesi dell'Unione Europea del Sud e dell'Est. E direi che al momento la parte più promettente dell'Unione del Sud è l'Italia. Mi dirai che l'Italia non ha un partito dei Verdi, ma per essere precisi ti dirò che lo ha fatto e che stiamo cercando di "costruire" un nuovo profilo nel Paese come partito. Le nostre aspettative sono alte, perché sono tanti gli elettori "Green in ideology" che negli ultimi anni sono finiti a votare per il partito a 5 stelle. Ma ultimamente questo partito ha stretto una partnership con la Lega di estrema destra e questo ha "disgustato" i nostri elettori, che cercano un'alternativa e questo è quello che stiamo cercando di creare per loro.
Se guardiamo al caso dell'Europa orientale, vediamo un partito dei Verdi in Ungheria che abbiamo un partito, o meglio esattamente 2 partiti. In alcuni Stati baltici e nella Repubblica Ceca, i nostri alleati sono i pirati. C'è terra da coltivare in Romania, Bulgaria. Ciò dimostra che siamo una fazione che entra anche in questi paesi. Ma tutto dipenderà dalla possibilità di ottenere voti "verdi" alle prossime elezioni europee.
Direi che lo scenario peggiore è presumere che stiamo commettendo molti errori e che la corrente si sta rivoltando contro di noi prima delle elezioni ... Quindi direi che in questo caso i Verdi finiranno con 40 eurodeputati. Nella migliore delle ipotesi, potremmo presumere che finiremo con 70 eurodeputati, ovvero deteneremo il 10% del Parlamento europeo. Questo ci consentirà di svolgere un ruolo importante, un ruolo fondamentale nel prossimo Parlamento europeo.

Christian Kmiotek:

I Verdi sono sempre stati al centro di grandi questioni

Η Myrsini Lionaraki parlato con lui Presidente dei Verdi lussemburghesi Christian Kmiotek. Parlavano contributo del partito al governo del Paese, dal 2013 i Verdi partecipano alla coalizione di governo con molti ministri e hanno promosso diverse riforme ambientali e sociali. "Per noi i Verdi sono sempre stati la terza forza che non è né di destra né di sinistra, ma è sempre al centro di grandi questioni economiche e sociali", ha detto Christian Kmiotek, aggiungendo che il suo partito "cerca sempre la cooperazione con i suoi partiti progressisti". centrosinistra ".

 I Verdi di Lussemburgo sono entrati per la prima volta in Parlamento nel 1984 con due seggi e da allora non hanno smesso di progredire. Possiamo parlare dei progressi nelle loro opinioni? Le politiche e le riforme che propongono sono cambiate molto dal 1984?

Sì, penso che le nostre idee abbiano molto più a che fare con la società adesso. In altre parole, sono sempre di più le persone che si riconoscono nelle "idee verdi". Qui, nel nostro Paese, questi riguardano principalmente i movimenti ma anche l'ambiente in generale ei cittadini sono particolarmente attenti alle problematiche legate alla loro qualità di vita.

Dal 2013 i Verdi partecipano alla coalizione di governo. Sei soddisfatto dei voti che hanno lasciato al governo in questi cinque anni?

Da cinque anni, infatti, partecipiamo al governo e sempre con ministeri legati all'identità dei Verdi, come il ministero della Giustizia, che ci ha permesso di subire importanti cambiamenti nella società, come il matrimonio per tutti e una riforma delle procedure di divorzio. Tuttavia, abbiamo avuto anche il Ministero dell'Ambiente e i settori della mobilità e delle infrastrutture pubbliche, che sono anche il nostro spazio privilegiato. Apprezzo, sì, che abbiamo lasciato un segno importante e che gli elettori abbiano apprezzato il fatto che abbiamo fatto un buon lavoro e che ci ha permesso di avere questo impressionante aumento nelle ultime elezioni. Siamo passati dal 10 al 15 per cento e quindi abbiamo aumentato proporzionalmente i nostri seggi in Parlamento.

Le elezioni in Baviera, Belgio e Lussemburgo hanno portato nelle ultime settimane una "domenica verde". Dietro l'ascesa dei populisti, gli ambientalisti sembrano essere ugualmente attraenti per gli elettori europei. Pensa che questo sia anche il risultato della crisi politica dei cosiddetti partiti tradizionali, cioè di destra e di sinistra?

Per noi i Verdi sono sempre stati la terza forza. La terza forza che non è né di destra né di sinistra ma è sempre al centro delle grandi questioni economiche oltre che sociali. Ma soprattutto è al centro dell'ecologia. Noi, come molti altri Verdi in Europa, siamo puramente europei e questo è visto e misurato da gran parte della popolazione. Il populismo di destra e di sinistra qui in Lussemburgo non ha una penetrazione significativa dell'elettorato e questo è ovviamente dovuto all'ottima situazione economica che prevale nel paese e che non favorisce affatto le voci estreme.

Il tuo partito non sta parlando solo di sviluppo sostenibile ed ecologia. La tua retorica ora include la sicurezza, l'uguaglianza di genere o l'integrazione degli immigrati. È un dato di fatto che un partito dei Verdi che vuole governare non può rimanere isolato in una retorica puramente ecologica quando ci sono enormi questioni aperte nella società. Vorrei un commento in merito.

Il partito lussemburghese si basa sulla pace, l'ambiente, la lotta all'energia nucleare e il femminismo. Le questioni di uguaglianza nella società sono molto importanti per noi, fanno parte del nostro DNA. Permettetemi di ricordarvi che il concetto di sostenibilità ha tre dimensioni: economia, società ed ecologia. Con questa logica cerchiamo sempre di cooperare e allearci con i partiti del centrosinistra.

V. Tsetsi: "L'Europa non deve perdere il treno in queste elezioni europee"

Il Segretario generale dell'Eurogruppo dei Verdi esprime la convinzione che l'Europa debba difendere i propri valori per non "perdere il treno" alle prossime elezioni europee, ritenendo che ci siano già tanti problemi di democrazia in molti Stati membri dell'Ue. al Parlamento europeo la signora Voula Tsetsi.

La signora Tsetsi chiarisce che i Verdi come Eurogruppo correranno autonomamente alle prossime elezioni europee, affermando che è "sbagliato" avere una netta separazione tra chi è a favore dell'Europa e chi è contrario, poiché non sarà facile per gli elettori riconoscerlo. Modo "esattamente quello che vogliono l'Europa" sottolineando -per esempio- che i Verdi hanno un loro modello di sviluppo, da quello dei liberali.
Il segretario generale dell'Eurogruppo dei Verdi analizza anche le ragioni per cui si registra un aumento dei Verdi nel Nord Europa, ma non nel Sud e nell'Est, affermando che al Sud e soprattutto in Grecia si sono fatti di volta in volta "errori con personalità diverse". . Tuttavia, ritiene che le prossime elezioni europee rappresenteranno un "momento storico" per i Verdi, incentrato su "un altro modo di sviluppo".
Ricorda al tempo stesso che l'attivazione dell'articolo 7 (del Trattato di Lisbona) per l'Ungheria, quando è stato individuato un rischio di violazione dei valori fondanti dell'UE, è avvenuta su suggerimento rilevante della sua eurodeputata (Judith Sargentini) e approvata con la partecipazione e altri gruppi del Parlamento europeo.

H Olga Drossou, direttrice della Fondazione Heinrich B Ιll in Grecia, in un'intervista a Domina Diamantopoulou, che è vicina al Partito dei Verdi tedesco, ha sottolineato che gli elettori dei Verdi sono principalmente abitanti delle città, cosmopoliti e sostenitori delle società aperte, mentre allo stesso tempo non ha nascosto la sua preoccupazione per l'ascesa delle forze estremiste.

Domina Diamantopoulou, Alexandra Voudouri, Athena Korlira, Myrsini Lionaraki

Cipro: protesta fuori dalla RIK per la canzone dell'Eurovision "El Diablo"

I cittadini al di fuori della RIK hanno protestato contro la canzone che rappresenterà Cipro all'Eurovision Song Contest, intitolata "El ...

Fonti diplomatiche: la Grecia segue da vicino gli sviluppi tra Turchia ed Egitto

La Grecia sta seguendo con interesse le dichiarazioni del ministro degli Esteri turco su un presunto invito in Egitto per la demarcazione di ...

M. Schoinas: l'Europa accanto alla Grecia

Il messaggio "L'Europa accanto alla Grecia" è stato inviato oggi da Leros, il vicepresidente della Commissione Europea per la Promozione dello Stile di Vita Europeo ...

Notiziario alle 15:00

Dalle 7 invece delle 6 del pomeriggio, valido fino ad oggi, partirà il divieto di circolazione, da questo fine settimana in Attica ...

Rapporto mondiale Covid 19 - Oltre 2,5 milioni di morti in tutto il mondo

La nuova pandemia di coronavirus ha causato almeno 2.581.034 morti in tutto il mondo dopo che l'ufficio dell'Organizzazione mondiale della sanità in Cina ha scoperto ...

Coronavirus: l'elenco delle 18 isole greche libere da covid

Non uno o due, ma ci sono 18 isole in tutta la Grecia che sono libere da covid e possono già essere considerate ideali ...

Tsipras nelle zone colpite: risarcimento immediato, vaccinazione delle persone colpite ed esenzione fiscale di sei mesi

Il presidente di SYRIZA - Alleanza Progressista, Alexis ... ha chiesto allo Stato il sostegno immediato e sostanziale delle vittime del terremoto nella più vasta area di Elassona ...

ACCADE AD ATENE

Stazioni della metropolitana aperte - Traffico dei tram ripristinato

Sono state aperte tutte le stazioni della metropolitana, chiuse a seguito di un ordine di ELAS. Queste sono le stazioni "SYNTAGMA", "OMONIA", "PANEPISTIMIO", "AKROPOLI" e "SYGGROU-FIX". Inoltre è stato restaurato ...

Le stazioni della metropolitana sono state chiuse per ordine di ELAS

Per ordine della Polizia greca, le stazioni della metropolitana "SYNTAGMA", "OMONIA", "PANEPISTIMIO", "AKROPOLI" e "SYGGROU-FIX" sono chiuse. I treni passano senza, però, che abbiano luogo ...

Test di campionamento gratuiti per il coronavirus domenica a Syntagma

Gli esami di campionamento gratuiti, da parte dei gruppi di salute mobile (KOMY) dell'Organizzazione nazionale della sanità pubblica (EODY), si svolgeranno domenica 7 marzo 2021, dalle 10:00 ...

Bus di carnevale e caccia al tesoro in internet nel Comune di Ilio

Senza le migliaia di partecipanti al carnevale delle scuole e delle Associazioni della città, senza i costumi tradizionali del lunedì grasso ma con un grande sorriso, piacevole ...

OPANDA: programmi di carnevale online per bambini

Conosci Boules e Giannitsaros o cosa significa "Amola kaloumba"? Conosci la commedia dell'arte e qual è il ruolo dell'Arlecchino in essa? Il Carnevale ...